Pubblicità Beruby Italia

Promozione IoArte

venerdì 29 novembre 2013

Al corso d'inglese

Salve a tutti!

Stasera niente "consigli di lettura" a parte, forse, se vi va, questa mia breve storiella; una storiella che, conoscendomi ormai abbastanza bene, intuirete avere a che fare con un qualche tipo di gaffe. In fondo sono o non sono entrato con un mio raccontino nella raccolta "Ops! Che figura!" edita dalla Butterfly Edizioni della stratosferica Argeta Brozi?
Ma veniamo alla storiella vera e propria...
Dovete sapere che settimanalmente io frequento un corso d'inglese. Si tratta di uno di quei corsi organizzati e gestiti da un'associazione che si occupa di istruzione per l'età adulta e si tiene una volta a settimana, nella fascia oraria tra le 18.00 e le 20.00, o meglio, per il mercoledì, tra le 17.45 e le 19.45, per motivi tecnici ed esigenze del bidello, presso la mia vecchia scuola dei tempi delle medie, la Scuola Media "Francesco Sassi", ora gemellata (per motivi di riduzione dei costi) con la Scuola Media "L. Torelli", in quel di Sondrio. Fino alla scorsa settimana il giorno nel quale si teneva il corso era il giovedì.
Visto che però gli iscritti al corso che frequento io, almeno stando alla lista in mano alla nostra teacher, sono una trentina l'insegnante, d'accordo con la segreteria della scuola, ha deciso di spezzare il nostro gruppone in due gruppi. Il primo dei quali farà il corso al mercoledì ed il secondo resterà fisso al giovedì; l'ora è sempre la stessa.
Dunque...
Mercoledì scorso è stato il primo giorno a gruppi separati.
Io, che non riesco mai (o quasi mai!) ad arrivare camminando tranquillamente a scuola ma devo sempre, tanto o poco, correre come un Forrest Gump de noantri, sono arrivato, non si sa come nè perchè, a scuola in ampio, amplissimo per i miei canoni, anticipo.
Subito mi sono diretto, a passo di carica, verso quella che, fino alla settimana prima, era stata la mia, o meglio la nostra, aula e che pensavo sarebbe rimasta ancora la nostra aula.
Entrato in aula mi sono guardato attorno e...
"Toh! Tutti nuovi sono i miei compagni di corso!", mi sono detto pensando che quelli che conoscevo io e sapevo sarebbero stati al corso con me al mercoledì non fossero ancora arrivati. E così, pronto per fare nuove conoscenze, mi sono avviato verso un posto libero.
Sennonchè, giunto in prima fila poichè tutte le altre erano occupate, ho alzato gli occhi verso la cattedra e..
L'insegnante non era la mia di quest'anno ma l'insegnante che avevo l'anno passato e che quest'anno ha, guarda caso, un corso d'inglese che inizia un quarto d'ora prima del mio; corso che si tiene nella mia, o meglio nostra, vecchia aula! :)
Subito ho lasciato l'aula e mi sono diretto, in quella a fianco come indicatomi dalla mia ex insegnante. Il tutto con un sorriso compiaciuto per la gaffe commessa disegnato in volto! :)

Grazie per l'attenzione e la pazienza con la quale avete seguito questo mia nuova ed ennesima gaffe e arrivederci alla prossima! :)
Buona serata e, come sempre, Buona lettura! :)

Con simpatia! :)

martedì 26 novembre 2013

L'ordine di Babele di Flavio Villani

Salve a tutti voi!
Stasera vi propongo un "consiglio di lettura" che, contrariamente a quanto avviene per gli altri miei "consigli di lettura" che iniziano con un video o un trailer legato al romanzo consigliato, non mi trova digiunissimo. Per quanto riguarda il romanzo di Flavio Villani intitolato "L'ordine di Babele" infatti ho potuto godermi un antipastino gratuito, piuttosto corposo per essere un estratto, offerto dall'autore attraverso la casa editrice del romanzo. Il romanzo "L'ordine di Babele" di Flavio Villani è ambientato in una serie di teatri: le vicinanze di Saigon, Parigi e Bagdad, solo per citarne tre che si incontrano nell'estratto. La narrazione è sempre tesa ma di piacevolissima lettura, un romanzo che scorre e avvince il lettore dalla prima all'ultima pagina; un romanzo del quale, come ho detto all'autore ieri notte in un tweet "Non vedo l'ora di leggere la versione integrale". Flavio Villani "Scrittore e neurologo. Nell'ordine che preferite", per citare la presentazione che ha inserito sul suo profilo di Twitter, ha uno stile scorrevole ed una scrittura curata e forte.
Legato al romanzo "L'ordine di Babele" di Flavio Villani c'è un evento assolutamente da non perdere!!!
Domani, mercoledì 27 novembre 2013, alle, o meglio a partire dalle, ore 18.00, presso la Libreria Lirus a Milano, Flavio Villani presenterà il suo romanzo "L'ordine di Babele".
Chi si trovasse a Milano o avesse, comunque, occasione di andarvi non si perda questo evento imperdibile!!!

Ricordandovi ancora di non perdervi la presentazione del romanzo "L'ordine di Babele" di Flavio Villani ringrazio tutte e tutti voi per l'attenzione e la pazienza e vi do l'arrivederci alla prossima occasione!
Buona serata e, come sempre, Buona lettura, meglio ancora se di "L'ordine di Babele" di Flavio Villani!

Con simpatia! :)




 

domenica 24 novembre 2013

Sei solo mio di Viviana Leo



Salve a tutti!

Riemergo dal profondo della notte per proporvi uno stuzzicante "consiglio di lettura". Autrice di questo gustoso e bellissimo ebook, che tra l'altro è distribuito gratuitamente, cosa che non guasta mai, da eBookService.net, è Viviana Leo scrittrice che molti tra voi conosceranno, ci scommetto, per essere una delle autrici che fanno parte della scuderia della Butterfly Edizioni della immensa Argeta Brozi. Per la casa editrice di Correggio Viviana Leo ha dato alle stampe il romanzo "L'altra metà della mela".


Con il racconto intitolato "Sei solo mio" Viviana Leo, come dichiarato da lei stessa nel post col quale lo ha pubblicizzato su Facebook, si cimenta con "un genere del tutto diverso dal mio". Nonostante la diversità di genere Viviana Leo riesce a regalarci una storia stuzzicante, come ho detto in apertura, ma in modo elegante. Vale a dire che mai, e dico MAI, "Sei solo mio" è un racconto sopra le righe. Nemmeno nei frangenti più caldi della vicenda Viviana Leo perde la propria eleganza ed il proprio incomparabile stile e così facendo ci permette di godere l'evolversi della passione tra Lisa e Dante facendoci gustare ogni minimo frangente. La storia racconta dell'evoluzione del rapporto tra Lisa e Dante, due ragazzi cresciuti insieme, tanto che Dante ha sempre considerato Lisa una sorella e anche all'inizio e per buona parte della vicenda narrata in "Sei solo mio" l'atteggiamento di Dante è frenato dal fatto che per lui Lisa è sempre stata una sorta di sorellina adottiva. Questo particolare del loro rapporto è evidenziato anche dal nomignolo, che Lisa, ormai fattasi donna trova fastidioso, che Dante continuare ad utilizzare: coniglietta.
Però come si suol dire "al cuor (e ai sensi) non si comanda" e così tra i due nasce una passione che si sviluppa e s'intensifica via via sbocciando pienamente alla fine del racconto quando troviamo Lisa e Dante che si amano in riva al mare, non più con la smania famelica delle volte precedenti, ma con estrema lentezza e dolcezza.
Non perdetevi l'occasione di gustarvi "Sei solo mio", un racconto a tratti bollente ma narrato sempre con classe e stile insuperabili dalla bravissima Viviana Leo! :)

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima!
Buona notte e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)


sabato 23 novembre 2013

Non un semplice consiglio di lettura

Salve a tutti!

Eccomi di ritorno tra voi per proporvi, come dico anche nel titolo, un "consiglio di lettura" che non è "un semplice consiglio di lettura". Non lo è per due motivi: motivo numero a) perchè non riguarda un romanzo o una raccolta di racconti ma una serie di racconti leggibili, godibili (e votabili, tramite il classico "Mi piace"!) tramite Facebook; motivo numero b) perchè, quanti tra voi avessero velleità di scrittori o anche solo avessero una passione per la scrittura possono partecipare. Butterfly Edizioni della strepitosissima Argeta Brozi. La casa editrice che "vola come una farfalla e pubblica storie meravigliose" ha indetto un concorso o un contest per usare il nome originale. Questo contest è collegato al romanzo, attualmente in prevendita, "Nora e il bacio di Giuda" di Monica Portiero.
L'occasione è offerta dalla
I partecipanti che vorranno cimentarsi, entro e non oltre (salvo proroghe) le 19.00 del 30 novembre 2013, dovranno scrivere un racconto (di massimo due pagine in formato A5) avente come tema l'argomento "tradimenti". In palio vi è la possibilità di vedere la propria "creatura" pubblicata all'interno del libro "Nora e il bacio di Giuda" di Monica Portiero.
Quanti invece non si ritenessero in grado di produrre alcuno scritto potranno comunque partecipare all'evento in qualità di lettori e votanti! :)
Per ulteriori informazioni e per leggere i racconti in gara l'indirizzo della Pagina Facebook dell'evento è il seguente: https://www.facebook.com/events/575291335870754/?source=1
Per quanti tra voi fossero interessati in particolare a leggere e, se ne sarà degno, a dare il proprio gradimento tramite il "Mi piace" il mio raccontino l'indirizzo per raggiungerlo è: https://www.facebook.com/events/575291335870754/permalink/575508345849053/
E così ho sistemato anche il lato autopromozionale!
Accorrete in tanti non solo a leggere il mio raccontino ma anche a leggervi gli altri splendidi racconti in concorso! :)
E magari, perchè no?!, a partecipare a vostra volta al contest! Forza dai! Sarà divertente! :)

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima occasione!
Buon sabato e, come sempre, Buona lettura! :)

Con simpatia! :)

mercoledì 20 novembre 2013

La Stella di Giada di Stefania Bernardo


Salve a tutti!

Eccomi di ricordo dopo alcuni giorni con un nuovo "consiglio di lettura". A volte mi capitano giornate nelle quali vengo colto da una voglia di avventure in giro per i sette mari e così, per poter soddisfare queste mie voglie, prendo e mi regalo un libro o, come in questo caso, un ebook che parli di avventure marinaresche e mi ci tuffo. Oggi il romanzo, in formato ebook, deputato a soddisfare la mia voglia di giornata è stato "La Stella di Giada" di Stefania Bernardo.
Acquistatolo non ho resistito e, spinto dalla voglia di condivisione, mi sono messo alla tastiera per digitare questo intervento sul blog! Visto che non ho ancora avuto modo di tuffarmi nelle sue pagine mi limiterò ad inserire in questo primo articolino dedicato a "La Stella di Giada" di Stefania Bernardo, la sinossi prelevata dalla pagina di Amazon.it.
Sinossi che ha contribuito in maniera determinante a farmi innamorare di "La Stella di Giada" di Stefania Bernardo. Ma ora bando ad ulteriori ciance e lasciamo la parola alla sinossi amazzonica:

"Caraibi, 1720
Il volto di una bellissima donna intagliata nel legno si staglia all'orizzonte. Il gioiello che porta al collo, una stella fatta di giada, brilla al sole. Gli occhi ambrati di Scarlett fissano il veliero minaccioso che le sbarra la strada verso la libertà. Stavolta non si tratta di affrontare un conte lussurioso, un marito dispotico o un padre severo. Stavolta dovrà vedersela con Johnny Shiver, un pirata più crudele del diavolo. Sarà in balia dei suoi capricci e del suo primo ufficiale, Redblade, spietato e arrogante. Ha solo un modo per sfuggire a quella prigione. Una scelta assurda, l'unica in grado di donarle una vita degna di essere vissuta. Il destino di Scarlett prenderà una rotta imprevedibile che esigerà un alto tributo di sangue. Il mare sarà crudele ma, infine, restituirà i suoi più inconfessabili segreti."
 
 Allora? Che cosa state aspettando ad imitare il mio esempio e ad imbarcarvi a vostra volta sul veliero de "La Stella di Giada" di Stefania Bernardo e ha prendere il largo? Forza! I mari dei Caraibi vi attendono! Non tergiversate e salite a bordo! :)
Se poi vi fossero restate delle curiosità insoddisfatte nessun problema! Vi basterà far ruota col vento in poppa alla volta della Pagina Facebook dedicata a "La Stella di Giada" di Stefania Bernardo! :)

Grazie a tutte e tutti voi e arrivederci alla prossima!
Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura, meglio ancora se di "La Stella di Giada" di Stefania Bernardo!

Con simpatia! :)

sabato 16 novembre 2013

Il punto dell'eterno incontro


Salve a tutti di nuovo!

Vi avevo annunciato un mio ritorno a breve tra voi e, come annunciato, o minacciato fate voi, rieccomi. Stavolta l'occasione è quella offerta dal fatto che ho da poco, un'oretta o giù di lì, finito di leggere il bellissimo romanzo "Il punto esatto di due anime" di Luigi Mancini, edito dalla Butterfly Edizioni della fantasmagorica (ormai gli aggettivi si sprecano e sono tutti strameritati!) Argeta Brozi.Il punto esatto di due anime" di Luigi Mancinistagionate, che si amano. Cominciano ad amarsi al tempo delle medie e con il passare del tempo il loro amore si fa via via sempre più intenso e dirompente. In seguito le vicende personali, la droga per Luca ed una maternità non portata a termine per Anna per fare due esempi, ma potremmo dire, più in sintesi, la vita di entrambi, fanno sì che Anna e Luca si perdano di vista. Si dicano addio senza dirsi veramente addio. Come ho detto sopra sono le vite dei due giovani a dirsi addio.
Quindi questo sarà un "consiglio di lettura", caloroso e a ragion veduta. Come definire "
Il romanzo racconta la storia di Anna e Luca, due giovani, a trent'anni si può ancora definirsi giovani senza "rubare sull'anagrafe", anche se c'è qualcuno che, giuro, dopo i trenta definisce le persone
Sicuramente è una storia
Ma quando due persone si appartengono come si appartengono come Anna e Luca niente e nessuno potrà mai farli dimenticare l'uno e dell'altra. Infatti ci sarà sempre un punto nel quale i due si incontreranno per l'Eternità. Quel punto mirando al quale gli occhi dell'uno incontreranno e si fonderanno negli occhi dell'altra. Un punto invisibile alle persone che stanno loro intorno. Il punto esatto di due anime.


Vi consiglio sinceramente l'acquisto e la lettura del romanzo "Il punto esatto di due anime" di Luigi Mancini se volete godervi una storia che prende intensa, forte e, a modo suo, romantica. Una storia scritta con uno stile a tratti duro e brusco ma sempre e comunque poetico al massimo grado! Quindi non tergiversate oltre! Correte ad acquistare la vostra copia del bellissimo romanzo "Il punto esatto di due anime" di Luigi Mancini! Non ve ne pentirete! Vi prenderà tanto da non poterlo più lasciare e tanto che, giunti al termine, vorrete solo tornare all'inizio del romanzo e ricominciarne la lettura. E poi ancora e ancora e ancora... 

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima! :)
Buona serata e, come sempre, Buona lettura! :)

Con simpatia! :)


Prevendita di Nora e il bacio di Giuda di Monica Portiero


Salve a tutti!

Il mio primo intervento di oggi, perchè ce ne sarà un altro ma di altro genere, è un "consiglio di lettura" ed un
intervento promozionale assieme. Il protagonista, del quale potete ammirare la copertina, sia in apertura che poi sparsa qua e là nel testo, è il romanzo, sempre edito dalla Butterfly Edizioni della strepitosa Argeta Brozi, intitolato "Nora e il bacio di Giuda" scritto da Monica Portiero.
Manco a dirlo appena l'ho visto l'ho infilato nel mio carrello come regalo per l'inizio del periodo dell'avvento! Poi per i regali di Natale veri e propri c'è una lista di libri infinita! :) Il romanzo "Nora e il bacio di Giuda" sarà il primo che acquisterò anche e soprattutto in quanto voglio approfittare, cosa che consiglio di fare anche a voi, dei vantaggi della prevendita! Ma ora per poter presentare al meglio "Nora e il bacio di Giuda" di Monica Portiero ecco a voi la presentazione "rubacchiata" dalla pagina del sito-vetrina della casa editrice dedicata al romanzo "Nora e il bacio di Giuda" di Monica Portiero:

"Perth, Scozia. Nora è una giovane studentessa e scrittrice emergente alle prese con l’intrigante storia di fantasmi che costituirà il corpo del suo primo romanzo. La vita le frana improvvisamente sulle spalle quando i suoi genitori muoiono in un terribile incidente d’auto. Da quel momento in poi, tutto precipita: il rapporto già precario con sua sorella Lillian, la presenza inquietante della famiglia della sorella nel suo cottage, le difficoltà economiche. Il destino, tuttavia, non è ancora stanco di giocare con lei: presto emergerà, dalle ombre del passato, un terribile segreto di famiglia che stravolgerà per sempre la sua esistenza. Perché non esiste niente di più crudele del tradimento di chi amiamo di più al mondo: nostra madre. 
Monica Portiero intesse con incredibile bravura una storia a scatole cinesi, un romanzo nel romanzo in cui realtà e fantasia s’incrociano delineando passioni e rancori; in risalto, i profili di donne tormentate unite dallo stesso coraggio e dal gusto amaro del tradimento. Un romanzo ipnotico e indimenticabile per ricordarci la forza della famiglia e, ancor di più, il potere salvifico della letteratura."

Rammentandovi che il romanzo "Nora e il bacio di Giuda" di Monica Portiero è in questi giorni in prevendita ed invitandovi, di conseguenza, a non lasciarvi sfuggire l'occasione di accaparrarvene una copia ad un prezzo scontato ringrazio tutte e tutti voi per l'attenzione e la pazienza con la quale mi avete seguito anche stavolta e vi do l'arrivederci alla prossima occasione!
Buon sabato pomeriggio e, come sempre, Buona lettura! :)

Con simpatia! :)


giovedì 14 novembre 2013

Il Veleno nell'Anima di Mariana Fujerof


Salve a tutti!

Ritorno tra voi con un nuovo "consiglio di lettura" basato su una video-presentazione e alcune note prese direttamente dalla pagina che il sito vetrina della Butterfly Edizioni dell'infaticabile Argeta Brozi dedica al romanzo "Il Veleno nell'Anima" di Mariana Fujerof. Sfrutto ancora questo metodo in quanto anche per quello che riguarda "Il Veleno nell'Anima" di Mariana Fujerof stiamo parlando di un romanzo compreso nella mia personale "Lista dei Desideri".
Ora però è giunto il momento di passare alla presentazione del romanzo "Il Veleno nell'Anima" di Mariana Fujerof fatto dalla viva voce della pagina del romanzo. Ecco a voi la presentazione:

"Torino, primi del ‘900. Un collegio femminile per ragazze di buona famiglia. La signorina Trachta, ormai orfana, trascorre le sue giornate nell’ombra, convinta di non valere nulla, sino a quando una lettera inaspettata non riporta nella sua vita l’affascinante fratello Ludwig, che la prende e la porta via con sé. Tra i due s’instaura da subito un rapporto ambiguo e morboso che lei, già fragile per gli incubi che la tormentano, non sa come controllare. In realtà, sotto la patina luccicante della quotidianità, si nascondono segreti che premono per tornare alla luce e che affondano le loro radici nel misterioso passato della sua famiglia. Tra candele e quadri velati, tende di damasco e melodie di carillon, Mariana Fujerof, maestra della narrazione, conduce il lettore in un labirinto di passione e follia in cui non valgono le normali regole dell’attrazione, e il passato è un veleno da bere fino all’ultima goccia per poter riconquistare il proprio presente."
Che  dire? Sarò un bibliomane ma non riesco a resistere alla tentazione di acquistare anche questo romanzo edito dalla genialità e dell'abilità sopraffina di Argeta Brozi nello scegliere le storie più belle e appassionanti. Per presentare ancora meglio "Il Veleno nell'Anima" di Mariana Fujerof vi invito a visionare anche il video che trovate al termine di questo mio intervento.

Per ora ringrazio tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e vi do l'arrivederci alla prossima occasione!
Buona notte, buon venerdì e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)

Il Lupo marinaro di Tarker's Mills



Salve a tutti!

Il "consiglio di lettura" è un consiglio d'epoca in que il libro cui è dedicato, il romanzo breve "Unico indizio la luna piena" di Stephen King, è piuttosto datato dato che risale agli anni Ottanta. Un romanzo che, in versione cartacea viene venduto, da più parti, a peso d'oro. Ma quando, come me, si ha la fortuna immensa di avere amiche stupendissime che passano degli ebook nuovi o introvabili così in amicizia capita di potersi godere letture magnifiche come "Unico indizio la luna piena" di Stephen King.
La vicenda è assolutamente avvincente. Nel paesino di Tarker's Mills un anno, a partire da gennaio, un lupo mannaro, o marinaro come viene definito nel romanzo, comincia ad imperversare nelle notti di plenilunio seminando vittime su vittime. Nessuno pare potergli resistere e tutti sembrano, inesorabilmente, destinati a soccombere alla furia assassina della Bestia. Da gennaio a giugno il licantropo semina vittime su vittime e pensa di poter continuare anche per il plenilunio di luglio ma, come si suol dire, anche lui ha fatto i proverbiali conti senza l'oste! Infatti mentre sta per aggredire il giovane Marty Coslaw, un ragazzino confinato sulla sedia a rotelle, il lupo mannaro viene colpito da alcuni petardi scagliatigli addosso dal ragazzino, petardi che causeranno al licantropo la perdita dell'occhio sinistro. Nonostante questo stop momentaneo la strage del lupo mannaro riprende dal mese di agosto e nessuno sembra sospettare nulla. Nemmeno il giovane Marty Coslaw, inviato a casa degli zii per il resto dell'estate, non riesce ad indviduare il licantropo se non la notte di Halloween quando se lo vede comparire davanti durante la questa del "Dolcetto o scherzetto". Da quel giorno Marty comincia ad inviare alla persona-licantropo lettere, inizialmente anonime infine debitamente firmate. Lo scontro finale tra Marty e l'insospettabile licantropo avverrà sul finire dell'anno quando il licantropo tenterà di aggredire nuovamente il ragazzino a casa sua, uscendone però nuovamente sconfitto, stavolta definitivamente.

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima occasione!
Buona serata e, come sempre, Buona lettura! :)

Con simpatia! :)

lunedì 11 novembre 2013

Ridere dei propri sbagli


Salve a tutti!

Oscar Wilde diceva: "La vita è una cosa troppo importante per parlarne seriamente". E' un inizio strano per un "consiglio di lettura", ne convengo. Un inizio molto in stile "Criminal Minds" ma, che ci volete fare, è pur sempre martedì e il martedì, che piova, nevichi o ci siano la luna e le stelle, su Raidue va in onda proprio la serie poliziesca "Criminal Minds" e a me è sembrato un bel modo di iniziare questo mio nuovo intervento. A parte i riferimenti a serie televisive delle quali sono ghiotto la citazione del famoso aforisma di Oscar Wilde mi serve ad introdurre la raccolta di racconti umoristici cui è dedicato questo mio "consiglio di lettura". Anche se a qualcuno tra voi potrebbe apparire superfluo, visto che immagini della copertina popolano, a più riprese questo mio "pezzo", vi svelo il "nome" del protagonista di questo nuovo "consiglio di lettura", vale a dire la raccolta di racconti di gaffes varie ed eventuali "Ops! Che figura!", edita dalla Butterfly Edizioni della stratosferica Argeta Brozi, raccolta alla quale ho avuto l'onore di partecipare in prima persona con un mio racconto.
Ho ricevuto la mia copia di questo scrigno di sano e spensierato divertimento ieri nel primo pomeriggio, con la giornaliera consegna della posta e, non sapendo resistere alla tentazione, sempre mantenendo un occhio sul Buon Oscar Wilde, in serata, rientrato dal mio usuale giretto pomeridiano per Sondrio con tappa (quasi) obbligata in biblioteca, ho cominciato ad immergermi nella divertentissima atmosfera creata dalle storie contenute in "Ops! Che figura!" e, una storia tira l'altra, pochi minuti fa sono arrivato alla conclusione. Con la squisitezza delle storie che vi sono raccolte ho trascorso una serata di risate e allegria ed ho riso di gusto come non mi capitava di fare da tempo.
In "Ops! Che figura!" troverete raccolti racconti che coprono tutto o quasi lo spettro delle gaffes possibili ed immaginabili! Un bagno intasato di "proprietà" di datori di lavoro, la difficile vita di un'assistente clienti di una Software House che si occupa di gestionali rivolti a Dottori Commercialisti e Consulenti del Lavoro, una giornata disastrosa passata in un fast-food, confessioni un po' troppo "a cuore aperto" con la persona "sbagliata", donne burlone che un giorno ricevono la pariglia ai propri scherzi, interviste dalle quali nascono sviluppi imprevisti, citazioni fraintese... Queste sono, in ordine sparso, alcune delle situazioni imbarazzanti con le quali gli autori dei divertentissimi racconti che compongono "Ops! Che figura!" si sono misurati. E leggendo le peripezie di questi simpatici gaffeurs si viene coinvolti e ci si trova, nostro malgrado, a dirci "Caspiterina! Ma questo è successo anche a me!" e questo ci aiuta a sdrammatizzare un tantino anche le situazioni che ci hanno creato imbarazzo e a vivere con un po' più di allegria la nostra vita. Perchè, come dice una delle citazioni in apertura di "Ops! Che figura!", citazione di Richard Bandler (un nome (quello di Battesimo) che è una garanzia di saggezza!): "Se siete seri, siete bloccati. L'umorismo è la via più rapida per invertire questo processo. Se potete ridere di una cosa, potete anche cambiarla." E allora deponete le espressioni serie e seriose, accantonate i musi lunghi e relatevi qualche ora di spensierata allegria e non preoccupatevi se vi ritroverete sotto i tavoli o giù dalle rispettive sedie, poltrone e divani piegati in due con le lacrime agli occhi dal ridere! Niente di grave! E' solo la piacevole e altamente positiva conseguenza, volevo scrivere controindicazione causata dalla lettura di "Ops! Che figura!" Come direbbero i Latini: "Semel in anno licet se spanciare dalle risa!"

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima occasione!
Buona notte e, come sempre, Buona lettura, meglio ancora se della raccolta di racconti gaffeuristici "Ops! Che figura!"

Con simpatia! :)


venerdì 8 novembre 2013

Prima di svanire di Marco Siena


Salve a tutti!

Eccomi di nuovo qui a proporvi un "consiglio di lettura" promozionale. In che senso promozionale? Nel senso che il mio intento è quello di lanciare questo romanzo del quale mi ha attirato il tipo di vicenda piuttosto misteriosa già alla prima lettura della trama sulla pagina che il sito-vetrina della Butterfly Edizioni ha appositamente creato a mo' di scaffale per "Prima di sparire" di Marco Siena. Come già fatto in altre occasioni visto che anche "Prima di sparire" di Marco Siena rientra tra le mie "Buoni Propositi di Acquisto per il futuro", quello che troverete di seguito è, appunto, il sunto che, sperando di non indispettire troppo la carissima  Argeta Brozi, impeccabile e stratosferica Direttrice Editoriale della Butterfly Edizioni, è inserito nella pagina dedicata a "Prima di sparire" di Marco Siena.
Come ho detto ad attirarmi è stato l'aroma di mistero che ho fiutato già al primo incontro con "Prima di sparire" di Marco Siena. Da buon amante delle vicende misteriose mi sono fatto tirare subito per la giacchetta, o meglio per la felpa della tuta visto che il primo incontro con "Prima di sparire" di Marco Siena è avvenuto attraverso il computer di casa mia.
Ma ora basta perdersi in ciance e cediamo la parola alla sintesi del libro:

"Tutto inizia in una fredda mattina di febbraio: improvvisamente in tutto il mondo la gente comincia a svanire. Senza un perché, senza nemmeno la possibilità di un ultimo bacio. Basta l’attimo di un battito di ciglia o di un soffio di vento. 
Lentamente le città si trasformano in immensi cimiteri, le case restano disabitate, il denaro non conta più nulla, la gente girovaga disperatamente alla ricerca di cibo. Cosa succede? Perché la gente svanisce? Ritorneranno tutti? 
È la fine del genere umano? 
In questo scenario apocalittico, Piero, Pablo ed i loro amici sono protagonisti di una serie d’avventure sospese tra mistero e thriller. Un romanzo straordinario, innovativo, che vi farà restare con il fiato sospeso fino alla fine."

Per quanti tra voi non fossero ancora soddisfatti da questo piccolo antipastino propongo in chiusura di intervento la presentazione, più dettagliata, di "Prima di sparire" di Marco Siena fatta nella trasmissione "Creature della notte". Il video, che poi è stato l'input che mi ha spinto a proporvi questo nuovo "consiglio di lettura" l'ho spizzicato dal canale YouTube di Argeta Brozi! :)
Scusa ancora carissima Argeta per aver approfittato anche di questo contributo! :)

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima occasione! :)
Buon pomeriggio e, come sempre, buona lettura, meglio ancora se con "Prima di svanire" di Marco Siena o con un'altra delle magnifiche storie edite dalla Butterfly Edizioni dell'instancabile Argeta Brozi! :)

Con simpatia! :)


mercoledì 6 novembre 2013

Presentazione de "Il profumo del Sud" di Linda Bertasi

Salve di nuovo a tutti voi!
Questo è un intervento aggiuntivo che sarà, come il precedente, un insieme di "consiglio di lettura" e promozione a favore di una presentazione libraria. Protagonista di questo nuovo intervento sul blog sarà il romanzo di Linda Bertasi "Il profumo del Sud", edito anch'esso dalla Butterfly Edizioni dell'incomparabile Argeta Brozi. Il motivo di questa mia sollecitudine nel pubblicizzare questa nuova presentazione è legato ad un fatto ben preciso. Il fatto è questo: la presentazione del romanzo di Linda Bertasi "Il profumo del Sud" avverrà in contemporanea con la presentazione del romanzo di Laura Bellini "Il Gioco dei Ricordi" che, come ho detto nell'intervento dedicato a "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini, si terrà "nella splendida cornice della Sala del Conte di Villa Mazzotti in quel di Chiari, in provincia di Brescia, sabato prossimo, 9 novembre, alle, o meglio a partire dalle, ore 18.00".

Ed ora ecco a voi una breve sintesi del romanzo "Il profumo del Sud" di Linda Bertasi che, come fatto per "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini, non avendo ancora letto neanche questo romanzo, verrà spizzicata dalla pagina dedicata al romanzo. Ecco la presentazione in sintesi di "Il profumo del Sud" di Linda Bertasi:
"Luglio 1858. Un piroscafo prende il largo dal porto di Genova verso il Nuovo Mondo. Sul ponte, Anita vede la terraferma allontanarsi e, con essa, tutto il suo passato: una famiglia alla quale credeva di appartenere, i suoi affetti, una scomoda verità. A condividere il viaggio con lei, la matura Margherita e il suo protetto, il seducente Justin Henderson. Giunti in America, Margherita convince Anita ad essere sua ospite per qualche tempo, nella sua dimora a Montgomery. La ragazza accetta, sicura di dover ripartire al più presto. A farle cambiare idea saranno le bianche colline del Sud e un tormentato amore più forte delle sue paure. 
All’orizzonte, l’ombra oscura della guerra civile. 
Linda Bertasi scrive un romanzo che dell’Ottocento ha il sapore, un romanzo nel quale la Storia non è semplice sfondo ma protagonista attiva della vicenda. Narrativamente impeccabile, emotivamente travolgente, Il profumo del sud è una storia di passione: quella per la terra alla quale sentiamo di appartenere e quella per la persona che siamo destinati ad amare."
Invitandovi nuovamente a partecipare a questa gustosissima presentazione ringrazio tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e vi do l'arrivederci alla prossima occasione!
Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)


Presentazione de "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini


Salve a tutti di nuovo!

Questa volta il mio non è solo un "consiglio di lettura" è anche una promozione; una promozione per il romanzo di cui potete vedere il booktrailer e la copertina in apertura di intervento. Questo romanzo è "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini, edito dalla Butterfly Edizioni dell'instancabile e vulcanica Argeta Brozi. Visto che, finora almeno, non ho letto "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini quello che troverete qui di seguito è preso pari pari dalla pagina del sito-vetrina della Butterfly Edizioni dedicata al romanzo.
Prima di tutto eccovi la presentazione, presa, come ho detto qui sopra, dalla pagina dedicata al romanzo sul sito-vetrina della Butterfly Edizioni, de "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini:

"Dopo il dolore causato dalla fine della sua storia con Gabriel, Ayleen ha finalmente ricominciato ad amare: si tratta di un ragazzo misterioso del quale non conosce neppure il nome, ma le è bastato sedere al suo fianco sulla riva del lago per capire che il suo posto è dov’è lui. Ma perché ha la sensazione di potersi fidare ciecamente di un uomo del quale non sa nulla mentre Tamara, la sua migliore amica, le intima di stare alla larga da lui? E se di giorno i dubbi la tormentano, la notte porta con sé incubi dai quali si risveglia immemore con un solo nome a fior di labbra: “Nathan”. Gabriel e Nathan, il Bene e il Male e, nel mezzo, una maledizione che attraversa i secoli. 
Dalla Roma degli intrighi al naufragio del Titanic passando attraverso il Quattrocento di Caterina Sforza, Ayleen viaggerà nella Storia per compiere la scelta più dolorosa, e capirà che il segreto dell’amore riposa nel tempo che scorre sulle cose, travolgendole. Perché l’amore, esattamente come il tempo, non può essere misurato che da un metro soltanto: l’eterno."
Ed ora veniamo alla presentazione del romanzo "Il Gioco dei Ricordi" di Laura Bellini. La presentazione avverrà, citando la Pagina Facebook dell'evento, "Nella splendida cornice della Sala del Conte di Villa Manzotti" a Chiari (BS) alle ore 18.00 di sabato prossimo, 9 novembre 2013.
Ed ora a me non resta che invitare tutti voi, amanti dei bei libri, specie se vi troverete dalle parti di Chiari, in provincia di Brescia, sabato prossimo, ad intervenire alla presentazione del romanzo di Laura Bellini "Il Gioco dei Ricordi". 

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima occasione!
Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)


Guida poco che devi bere di Mauro Corona


Salve a tutti voi!

Quello che vi propongo oggi è un "consiglio di lettura" relativo all'ultimo libro del quale ho terminato la lettura. Tutti, credo, conosciamo Mauro Corona per i suoi libri più montani quali il per me meraviglioso, anche perchè è stato il libro che mi ha fatto scoprire e amare l'autore ertano, "I fantasmi di pietra". Altri titoli, sparsi, sono "Storia di Neve", "Aspro e dolce", "Venti racconti allegri e uno triste" e "Il canto delle manere" e qui mi fermo anche se potrei continuare ancora tanto è vasta la produzione del bravissimo Mauro Corona. Comunque sia, per venire al libro che sarà il nostro protagonista di giornata "Guida poco che devi bere" è, come dice lo stesso autore nel sottotitolo, o nella seconda parte del titolo, una sorta di manuale ad uso specialmente dei giovani per un consumo consapevole degli alcolici, così da potersi godere delle sane bevute senza correre il rischio di, per dirla con lo stesso autore, "sbattere il naso".
Consigli anche sorprendenti come quello di non passare da bevande a più alta gradazione alcolica (vino) a bevande di minore gradazione (birra); questo comporterebbe effetti molto dannosi, ovvero gambe di gelatina e conseguente pericolo di finire lunghi distesi per terra. Insomma, nonostante il titolo che potrebbe far nascere un sorrisino, "Guida poco che devi bere" è un interessante libro di consigli per poter far sì che, dato che non si può pensare, realisticamente, di estirpare la piaga dell'abuso di alcol specie nei giovani, quantomeno il consumo di alcolici segua delle linee guida che evitino ai bevitori di incorrere in incidenti che danneggino loro stessi e, cosa ancora più importante e grave, i loro cari. Un manuale scritto senza ditini alzati e senza demagogia ma con utili consigli forniti da un esperto in materia. La narrazione è inframmezzata ed arricchita da episodi inerenti esperienze personali dello stesso Mauro Corona o di suoi amici, tutti esperti in bevute e quindi in grado di fornire le dritte necessarie per poter evitare i rischi di cui ho accennato poco fa! :)
Che altro dire se non leggetevi, anzi gustatevi, "Guida poco che devi bere" e tenete ben presenti le dritte in esso contenute per potervi godere le vostre serate alcoliche senza rischiare conseguenze deleterie!

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima!
Buona serata e, come sempre, Buona lettura!
Con simpatia! :)

lunedì 4 novembre 2013

Sono uscitiiiiiiiiii


Salve a tutti!

Un inizio di settimana scoppiettante dal punto di visto editoriale-libresco quello di questo 4 novembre 2013.
Ho infatti saputo poco fa dalla fantasmagorica Direttrice Editoriale della Butterfly Edizioni, al secolo Argeta Brozi, che sono usciti, proprio oggi, i due volumi che avevo pre-acquistato nelle settimane e nei mesi scorsi. Sono finalmente usciti infatti la raccolta di racconti di gaffes "Ops! Che figura!", al quale mi onoro di aver partecipato con un mio racconto ed il romanzo "Il punto esatto di due anime" di Luigi Mancini!
Sono felicissimo e non vedo l'ora di gustarmeli con tutta calma! :)
Sarà meraviglioso potermi rilassare leggendo queste due nuove pubblicazioni della Butterfly Edizioni della magnifica Argeta Brozi! :)
Forza e coraggio amici e lettori miei! Correte ad acquistare, nel caso non lo abbiate già fatto, le vostre copie di "Ops! Che figura!" di un gruppo di Gaffeurs (oh pardon! Autori!) Vari e di "Il punto esatto di due anime" di Luigi Mancini.

Grazie ancora per la pazienza e l'attenzione a tutte e tutti voi! :)
Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura! :)

Con simpatia! :)


Impronte d'inchiostro

Salve a tutti!

Oggi torno tra di voi per un intervento pro domo mea! Sono infatti in gara nel concorso "Impronte d'inchiostro" su Facebook con un mio racconto intitolato "Genesi di una passione" nel quale racconto come è nata la mia passione per la scrittura. Visto poi che il concorso è articolato in modo che ogni racconto in gara abbia un doppio giudizio, uno pubblico tramite i "Mi piace" dei lettori ed un secondo della giuria interna vi volevo invitare, se vi va, di passare a leggere il mio racconto e cliccare su "Mi piace". Naturalmente se il mio raccontino vi dovesse piacere! :) Sono spiacente di informarvi che in caso contrario non potrete cliccare sul pulsante "Mi fa ribrezzo"! :)
Il link, che ho già disseminato qua e là per questo mio nuovo intervento, al quale potrete trovare il mio piccolo racconto è il seguente: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=597715706952195&set=a.594651063925326.1073741837.123328021057635&type=3&theater

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione (e per l'eventuale "Mi piace"!)! :)
Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)

domenica 3 novembre 2013

Amori a metà di Antonietta Agostini


Salve a tutti!

Questa domenica voglio decisamente esagerare! :)
Dopo il primo consiglio di lettura di un'oretta fa (o giù di lì!) eccomi tornare con un nuovo "consiglio di lettura". Stavolta si tratta di un "consiglio di lettura" in anteprima, almeno per me, ossia di un "consiglio di lettura" che partendo da un'anteprima video si sviluppa attraverso la citazione della trama presa dal sito dell'editore, la Butterfly Edizioni dell'impareggiabile Argeta Brozi e attraverso alcune considerazioni personali.
Visto che non ho ancora avuto il piacere di gustarmi "Amori a metà" di Antonietta Agostini, libro che comunque troverà spazio nel mio prossimo carrello della spesa libraria nel negozietto sul web della Butterfly Edizioni, ho deciso, sperando che questa mia decisione sia condivisa anche dalla Direttrice Editoriale della Butterfly Edizioni, la carissima Argeta Brozi, di copincollare (neologismo che troverete nel Riccardini del 2014!) la trama di "Amori a metà" della talentuosissima nonchè carissima amica attraverso Facebook Antonietta Agostini direttamente dalla pagina dedicata al romanzo. Ecco a voi la presentazione di "Amori a metà" di Antonietta Agostini:

"A Trastevere, in una bella casa dalle pareti color arancio, Chiara, affermata speaker radiofonica, vive la sua quotidianità col marito Filippo e con la piccola Nicole. La loro vita sembra perfetta ma, dietro l’apparenza, si cela un terribile inganno: Nicole non è figlia di Filippo bensì di Francesco, l’unico uomo che Chiara abbia mai amato col cuore, col corpo, con l’anima. Disposta a tutto pur di salvaguardare le briciole del suo rapporto con Francesco, sposato anch’egli, Chiara acconsente a vivere una vita di menzogne, a rinnegare se stessa, ad accontentarsi di un amore a metà. Ma è davvero questo ciò che vuole? Sua figlia, l’unico vero amore, non merita forse la verità e l’abbraccio di un vero padre? 
In un crescendo di emozioni, Antonietta Agostini ci presenta un’antieroina dei nostri tempi, sposata ad un uomo che non ama e innamorata di un uomo sposato, e la guida attraverso le insidie di un amore malato per condurla, infine, alla coraggiosa affermazione della propria indipendenza."

Il romanzo "Amori a metà" di Antonietta Agostini mi attira molto, come ho detto prima, anche perchè conosco l'autrice ed ho avuto modo di scoprirne il talento e la bravura di scrittrice e quindi con il suo nuovo romanzo "Amori a metà" mi sento di poter andare sul sicuro e di poterne consigliare l'acquisto e la lettura a tutti anche a scatola chiusa, per così dire. Quindi non tergiversate oltre! Affrettatevi a far vostra una copia (o più!) di "Amori a metà" di Antonietta Agostini, romanzo edito dalla Butterfly Edizionicasa editrice specializzata in storie indimenticabili, grazie al gusto impeccabile della sua Direttrice Editoriale, la spumeggiante Argeta Brozi!
Ricordatevi questo titolo: "Amori a metà" e la sua autrice, la bravissima Antonietta Agostini.

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima occasione! :)
Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)


Flos di Francesca Gonzato Quirolpe

Salve a tutti!
Come tutte le domeniche, specie quelle nelle quali, come oggi, me ne resto a casa ho passato parte del pomeriggio a leggere. Ed è proprio ad una di queste mie letture pomeridiane che dedico questo mio "consiglio di lettura" domenicale. Il racconto "Flos" è un racconto piuttosto breve e fulminante uscito dalla penna dell'autrice dei romanzi "Reflections" e "Knowledge", ossia la bravissima Francesca Gonzato Quirolpe
Attenzione però!
Breve non vuol dire che sia lasciato in sospeso o che non concluda al meglio il proprio discorso.
Tutt'altro! Forse proprio il fatto che sia stato ideato ed impostato sotto forma di racconto breve ha fatto di "Flos" una storia tanto avvincente. Il fatto che la bravissima autrice sia riuscita a concentrare nel breve volgere di nemmeno una trentina di pagine le vicende avventurose ed avvincenti di Flos e del suo clan di Immondi ha fatto sì che il racconto abbia la capacità di incollare il lettore dalla prima all'ultima pagina.
Gli Immondi cui ho accennato qui sopra sono creature che hanno deciso di vivere fuori dagli schemi almeno stando al comune sentire dei Mondatori, personaggi che hanno lo scopo di rendere tutte le creature assoggettate alle regole stabilite da loro; tale operazione è fatta attraverso un processo chiamato mondatura, una sorta di lavaggio del cervello al quale segue l'impianto di un chip che, da quel giorno in avanti, regolerà le reazioni ed i sentimenti dei mondati.
Un giorno i Mondatori arrivano proprio nel luogo nel quale Flos e i membri del suo clan hanno deciso di stabilirsi. Nello scontro che ne seguirà buona parte dei componenti del clan di Flos verranno sterminati per non aver voluto accettare il destino di sottomettersi al Mondo regolamentato dei Mondatori. Tra coloro che soccombono nella lotta vi è Cyanus, il Grande Amore di Flos. Durante lo scontro con i Mondatori Flos scoprirà, con questo dando ragione a quanto rivelatole in precedenza da Cyanus, dentro di sé un potere degno di una dea che le permette, non solo di assorbire le pallottole che le vengono sparate contro "come fossero vitamine", ma addirittura di influenzare la Natura facendo sì che essa si ribelli ai Mondatori agevolando in questo modo la battaglia intrapresa da Flos.
Che altro dire se non raccomandarvi di scaricare il racconto "Flos" di Francesca Gonzato Quirolpe e di lasciarvi avvincere da questa vicenda con rimandi alla Mitologia Greca. Un racconto che a me personalmente ha fatto nascere la voglia di procurarmi e leggermi i romanzi di questa bravissima autrice! :)
Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima! :)
Buona serata e, come sempre, Buona lettura! :)
Con simpatia! :)