Pubblicità Beruby Italia

Promozione IoArte

lunedì 13 gennaio 2014

Due film per una sala

Salve a tutti voi!

Stanotte torno tra queste pagine per raccontarvi una mia avventura capitatami di fresco. Ieri sera io e la mia "amica speciale" abbiamo deciso di andare a cinema. Il cinema prescelto per la nostra serata è stato, come spesso capita, il multisala che da qualche anno è approdato anche nella "mia" Sondrio. Il film che avevamo scelto di guardare era stato "Un boss in salotto".


Inizialmente questo film era in ballottaggio con un altro film in proiezione in questi giorni al multisala, vale a dire "Sapore di te" ma poi, dopo attenta ponderazione avevamo scelto di dare la precedenza al surreale boss di Rocco Papaleo, come testimoniano tra l'altro i biglietti che potete vedere riprodotti qui sotto.


Tutto nella norma quindi?!
Ma manco per sogno, carissimi amici miei!
Infatti mentre ancora stavamo aspettando che si facesse un'ora accettabile per la nostra migrazione in sala un particolare ha colpito la nostra attenzione. Anzi, più che un particolare era una discrepanza. Vale a dire che, mentre il biglietto attestava che il film "Un boss in salotto" sarebbe stato, come potete constatare voi stessi, nella Sala 4 la locandina del film era esposta all'entrata della Sala 3. E così la mia compagna di serata cinefila mi ha detto: "Vai un po' a chiedere conferma!"
Io a questo punto sono andato, o meglio sono tornato, allo sportello e ho chiesto conferma al bigliettaio circa la sala nella quale sarebbe stato proiettato il film.
"Il film "Un boss in salotto" sarà proiettato nella Sala 4", mi ha confermato il bigliettaio dopo aver dato un'occhiata al computer.
"No, perchè la locandina del film è fuori dalla Sala 3...", ho detto io ma mi sono interrotto prima di terminare la frase, forte come mi sentivo da quell'ulteriore rassicurazione.
E così, avvisata la mia "amica speciale" che mi era stato detto che il film sarebbe stato proiettato nella Sala 4, ci siamo diretti verso la sala del "nostro" film. L'aggettivo possessivo "nostro" non è stato usato a caso. Infatti fin verso le 21.25 o giù di lì noi si è stati gli assoluti monopolisti della Sala 4.
Ma permettetemi un piccolo passo indietro, a poco prima che noi si facesse il nostro ingresso in Sala 4...
Appena fuori dalla sala abbiamo infatti notato come fossero state poste le locandine di entrambi i film, vale a dire che oltre a quella di "Sapore di te" c'era, effettivamente, anche quella di "Un boss in salotto" tanto che viste le due locandine io me ne sono uscito con questa constatazione: "Allora devono aver dato il primo spettacolo di "Sapore di te" qui in Sala 4 e poi hanno cambiato film e hanno cominciato a programmare "Un boss in salotto"." Evidentemente pensavo che un'analoga "Operazione Confusione" fosse avvenuta in Sala 3 dove, a questo punto, la prima serata d'uscita era stato proiettato "Un  boss in salotto", film poi scambiato con quello della Sala 4. Insomma tutto mi sembrava spiegato.
Ed invece...
Al momento del "Buio in sala!", dopo la classica dose di spot pubblicitari e l'altrettanto classico augurio di "Buona visione!" e, dulcis in fundo, la raccomandazione di silenziare o spegnere, il rispetto altrui d'altronde lo richiede, i cellulari ecco iniziare il film.
Che, come volevasi dimostrare era... "Sapore di te"!


Beh...
In fondo era pur sempre la nostra seconda scelta per la serata quindi si può dire, con William Shakespeare, che "Tutto è bene, ciò che finisce bene".
O no? :)
E poi il Gaffeur da competizione sarei io! :)

Grazie a tutte e tutti per la pazienza e l'attenzione e arrivederci alla prossima!
Buona notte e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! :)